Terni

[Riceviamo e pubblichiamo un racconto di curva ambientato durante Roma-Juventus della scorsa stagione. In via eccezionale pubblichiamo un intero racconto in dialetto, il romano lo capiamo un po' tutti. Non ci chiedete di farlo di nuovo. E, come d'abitudine, non forniremo la traduzione dei termini regionali]

di @Sandrosen1

foto tifosi RomaCome tutte le domeniche, pure ‘sto Roma-Juve allo stadio viene Terni. Cioè noi lo chiamamo Terni, ma in realtà lui de Terni nun è, ma parla co’ ’n accento strano, ar limite der burino, quindi pe’ noi tutti è Terni.

Uno d’altri tempi, un romanista vero: nonostante pe veni’ allo stadio deve fa’ ‘na sessantina de chilometri, lui ce sta sempre, piove nevica fa freddo c’è l’afa. Terni c’è. Sempre.

Co’ lui anche tutta la famija: manca la mojie, ma ce stanno er fijo e la fija, quarche vorta anche er ragazzo della fija. Tutti un bo’ burini. Co ‘st’accento un po’ burino, ma ripeto so’ tifosi de core, veri, non occasionali, quindi se po’ fa’. L’accettamo.

Io vado allo stadio sempre più tardi de Terni, ‘na mezzoretta prima dell’inizio, lui un’ora e mezza. E quanno arivo come ar solito me passa er giornaletto che danno sotto allo stadio, io lo prendo, lo ringrazio, e me lo piazzo sur seggiolino.

Credo sia più scaramanzia che benevolenza la sua, ma poco importa: lo prendo tutte le domeniche. Lui è contento e io pure. Ciccia.

Appena arivo me rendo conto che è già teso come ‘na corda de violino. Gioca Totti, me dice, ma co’ ‘na rabbia che se potesse fa’ la formazione lui, ar capitano nostro, lo metterebbe in tribuna, ma no dell’Olimpico, ma der campo dedicato ar grande Ago a Trigoria.

So’ un par d’anni che nun lo po’ vede, e come lui, Rosinaldo (Rosi) e er poro Greco.

Pe’ lui Totti è vecchio, nun deve gioca’, se non l’ultimi dieci minuti, quanno tutti so’ stanchi e allora sì che po’ fa’ la differenza: poco importa se è er giocatore italiano co’ più gol segnati in attività.

Er simbolo de Roma, e de tutti noi romanisti.

Comunque io je risponno de petto, embè nun sei contento? E lui, contento ar cazzo ma nun lo vedi che nun se move più, gioca da fermo, pure io so bono a gioca’ cosi’.

Ve premetto che Terni è ‘n omo de statura medio bassa, co’ la faccia e le mani segnate da quarant’anni de lavoro, e pure co’ un po’ de panza. Ma ‘n do cazzo va, dico io tra me e me. Vabbé fatto sta che er capitano se sta a scalda’ quindi giocherà.

Giusto er tempo de prepara’ ‘na sigaretta che i giocatori scendono in campo, Totti c’è, (godo) come Greco (un po’ meno) peccato che non sia sceso in campo pure Rosinaldo, altrimenti oggi je dovevamo porta’ er tavor pe’ fallo carma’, Terni.

Pronti via, e DDR je mette subito ‘na bella suppostina su assist de Totti. Sì, proprio lui.

Dopo le dovute esultanze, abbracci, pizze, spintoni, strattonate, strangolamenti, degne de un Roma-Juve, me giro e je dico ao’ er cross a De Rossi je l’hai fatto te ve’? (Che infame che so’)

E lui, sempre co’ quell’accento ar limite der burino… ma vafanculo va, te e Totti, se mette a ride e m’abbracia. Nonostante cio’, passa tutto er primo tempo a conta’ i passaggi sbajati der capitano nostro, ed ognuno de questi lo accompagna con un bel e mo’ m’hai rotto er cazzo però.

Er primo tempo finisce 1-0, ma nun je basta. Me giro durante l’intervallo, e je dico cor soriso sulle labbra ao’ ma come è possibile che quanno sbaja Totti rompi sempre er cazzo, ma quanno sbajano l’atri nun dici un cazzo. E lui me risponde.

Perché da Totti me aspetto artro. Lui nun po’ sbaja’, si sbaja lui, poi tutti pensano de pote’ sbaja’.

Insomma, me la stava a imbasti’.

A lui Totti nun je va giù e basta.

Fatto sta che inizia er secondo tempo, e il ragazzo de Porta Metronia sta ancora in campo. Io godo. Lui meno.

Dopo un quarto d’ora poi, la Juve ce fa er gol der pareggio. Lì la corpa nun è der capitano, ma der solito culo della vecchia signora che, dopo un cross ciccato, fa trova’ quer nasone de Chiellini solo solo davanti ar poro Stercheleburg, che nun po’ fa’ niente.

Ma questo è solo er preludio de quello che da li a poco stava per accadere. Passano pochi minuti infatti e ce capita la cosa che ce fa gode’ de più… Quella che ad ogni Roma Juve ha un sapore diverso, speciale. Un ber calcioderigoresottolasud.

Dal momento in cui l’arbitro se mette er fischietto in bocca e indica er dischetto de rigore, Terni comincia a strilla’ come i matti che giravano ‘na vorta pe’ Montemario: Nun fatelo tira’ ar capitano (lo chiama capitano perché in fondo lo rispetta, je vole bene), è stanco, nun se regge in piedi… ma che nun lo vede Luiseriche?

Io me giro e je dico, a chi lo famo batte ao’?

A tutti tranne che a lui, me risponne, allora nun insisto, so’ scaramantico, me giro, me gratto ‘a pelle, e cerco de stempera’ la tensione preparandome ar volo la sessantasettesima sigaretta.

Faccio giusto in tempo a chiudela, che appena me la sto’ pe’ mette in bocca Totti tira ‘no straccio fracico, alla destra de Buffon, che se butta, manco troppo, e ce nega la gioia der gol. La partita finisce uno a uno. Rosicamo tutti.

Ma a quer punto, me viene in mente solo ‘na persona.

Terni.

Una fila dietro la mia. Che per un minuto, dal novantatreesimo al novantaquattresimo strilla ininterrottamente: vaffanculo… vaffanculo… stavorta pe’ davero però… stavorta pe’ davero però.

Io dentro de me penso: come pe’ davero? E quelli de prima? Che erano finti? Cioè, l’artre quarantacinque vorte che ce l’hai mandato nun valevano? Erano farze?

E siccome nun me riesco a tene’ un cecio in bocca, me giro e provo a dijelo. Terni era rosso paonazzo, sembrava Vanna Marchi l’ultimi due minuti de ‘na televendita, resisto giusto trentacinque secondi, poi però je lo dico (infamone che so): Allora? Mo’ ce l’hai mannato pe’ davero, quelli de prima erano tutti finti, insomma, e sorido cor ghigno de chi se aspetta un ber vaffanculo de ritorno.

E lui: mejo che nun te risponno, va, ce dice sempre male, gesucristo è della Lazio, se sa.

Era chiaro che la battuta nun l’aveva digerita: se vedeva dall’occhi gonfi e dalla risposta incazzata mista co’ un po’ de soriso.

Una risposta de classe. Insomma, ‘na risposta da romano.

Sì, de Frosinone però.

 

@Sandrosen1 tifa Roma ed è su Twitter.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>